­

Sirio TommasoliSirio Tommasoli dal 1970 è artista visivo (fotografia, video-art, installazioni), ha esposto e pubblicato in Italia e all’estero.
Le sue opere seriali, e dal 1979 “fotogrammiche”, sono soprattutto dedicate allo studio e alla ricerca dello “sguardo successivo”: il vedere stesso come linguaggio poetico, suddiviso in fotogrammi che la mente di ciascuno organizza intuitivamente in una unità sintetica ma che sono, nello stesso tempo, la mia visione delle cose, la mia personale “way of worldmaking”. Nelle mie opere inseguo la sospensione o lo spostamento del rapporto fra la cosa e lo spazio nel divenire dei fotogrammi che frammentano e dilatano lo sguardo. Fino a naufragare nell’oltre, a volte in quella perduta e straniante memoria che affiora dalla banalità di un paesaggio quotidiano mai visto prima.

Laureato in sociologia, è stato docente di fotografia all’Accademia d’arte Cignaroli e redattore di Anterem, rivista di ricerca poetica.

Sue opere sono conservate in collezioni pubbliche e private.

 

Tra le sue mostre personali:

1980 – Sirio Tommasoli, Schloß Hohenheim, Stuttgart, catalogo con saggi di Ekkehard Henschke e Sirio Tommasoli;

1981 – Le forme della violenza, installazione, Galleria Fotografis, Bologna, depliant con un saggio di Ando Gilardi;

1983 – Prospettive ambigue per figure dinamiche, installazione, in “Fotografia come segno cercato”, Cappella di San Francesco, Sorrento (NA), catalogo con saggi di Italo Zannier, Ando Gilardi, Giuseppe Turroni;

1987 – Il mio aquilone, Galleria S. Fedele, Milano, depliant con un saggio di Attilio Colombo;

1991 – Il cielo di Maria F., Galleria Il Diaframma, Milano, catalogo con un saggio di Eugenio Miccini;

1994 – Il cielo di Maria F., Studio La Città, Verona, catalogo con un saggio di Eugenio Miccini e depliant con un saggio di Giorgio Cortenova;

1999 – Stanze, Studio La Città, Verona, catalogo con saggi di Peter Weiermair e Luigi Meneghelli;

2004 – Writing light waves, installazione, in “Disegni del Pensiero”, Società Letteraria – Verona Poesia, Verona, catalogo con saggi di Flavio Ermini e Silvia Ferrari;

2007 – Oltre l’Argento, Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri, Verona, catalogo con saggi di Luigi Meneghelli;

2008 – Oltre l’Argento, Photobiennale 2008, Mosca, catalogo a cura di Olga Sviblova;

2012 – Sirio Tommasoli, MIA Milan Image Art Fair 2012, catalogo a cura di Fabio Castelli con saggi di Eugenio Miccini e Sirio Tommasoli.

 

Alcune rassegne cui ha partecipato:

1981 – “12 Italian Photographers”, con l’opera Il mio aquilone, Italian Culture Institute,  New York, catalogo a cura di Monas Hierogliphica;

1981 – “Fotografia Anno Zero”, con l’installazione Il volo dei gabbiani, SICOF – Sezione Culturale, Milanocatalogo con saggi di Lanfranco Colombo e Ando Gilardi;

1984 – “Cara Giulietta”, con le opere Romeo and Juliet, Civica Galleria d’Arte Moderna Palazzo Forti, Verona, catalogo a cura di Giorgio Cortenova;

1987 – “Rain B&W”, con l’installazione Prospettive ambigue per figure dinamiche, SICOF – Sezione Culturale, Milano, catalogo a cura di Lanfranco Colombo;

1988 – “Fiction-trame-récit”, con opere della serie La fotografia fotografata, Biennale Internationale pour la Photographie d’Art et de Recherche, Germs, Paris, catalogo con saggi di Ciro Bruni, Filiberto Menna, Christian Metz, Gérard Wajemann;

1990 – “Figlio, figlia. Cinema, video, immagini”, con le installazioni Domani 13 gennaio 1990 e Domenica 13 maggio 1990, Lazzaretto di Luigi Vanvitelli, Ancona, catalogo con saggio di Fabiola Brugiamolini;

1992 – “A proposito della Fotografia Italiana”, con l’opera 19 ottobre, Musée de L’Elisée, Lausanne, catalogo con saggio di Charles-Henri Favrod;

1993 – “7×7 Vizi capitali”, con l’opera Accidia, Archivio di Stato, Milano, catalogo con saggi di Omar Calabrese, Carlo Ferrario, Giovanni Mariotti, Bruno Munari, Roberto Mutti, Gianangelo Polo, Ugo Volli;

1993 – “Fotografi italiani: diario immaginario di Lanfranco Colombo”con l’opera 19 ottobre, Civica Galleria d’Arte Moderna Accademia Carrara, Bergamo, catalogo con saggi di Carlo Bertelli, Jean Claude Lemagny;

1993 – “La pipa meccanica”con l’installazione Italya mia, Galleria d’Arte Moderna Palazzo Forti, Verona, catalogo con saggi di Giovanni Anceschi, Giorgio Cortenova, Giò Ferri, Pietro Montefusco;

1994 – “Purgatorio”con l’installazione Il giorno e la notte di Viola D., Galleria San Fedele, Milamo, catalogo con saggi di Gian Antonio Dell’Acqua, Marina Stasio e Roberto Mutti;

1994 – “Basically Silver”Studio La Città, Verona, Depliant con un saggio di Michael Haggerty;

1994 – “Oltre la cornice”, Museo Ken Damy, Brescia, catalogo con un saggio di Roberto Mutti;

1997 – “Portraits of Interiors”con l’opera Stanze del rito, 3rd Los Angeles International Biennial Art Invitational, Patricia Faure Gallery, Los Angeles, catalogo a cura di William Turner e Robert Berman;

2001 – “Desire”con un’opera della serie Scritture donna, Ursula Blickle Stiftung, Kraichtal-Unteröwisheim, catalogo con un saggio di Peter Weiermair;

2002 – “Desire”, con un’opera della serie Scritture donna, Galleria d’Arte Moderna, Bologna, catalogo con un saggio di Peter Weiermair;

2005 – “Corti e videoart di autori internazionali”, con le opere Red waves e Light waves, Biennale Anterem di Poesia, Palazzo della Gran Guardia, Verona;

2008 – “Love. Frammenti visivi di un discorso amoroso”, con un’opera della serie Scritture donna, Gallerie Civiche d’Arte Contemporanea di Palazzo Ducale, Pavullo nel Frignano (MO), catalogo con saggi di Paolo Donini, Daniela Del Moro, Flavio Ermini, Sirio Tommasoli, Claudio Composti.

 

Delle sue opere hanno scritto, fra gli altri: Claire Bonney, Cinzia Busi Thompson, Attilio Colombo, Lanfranco Colombo, Giorgio Cortenova, Flavio Ermini, Charles-Henri Favrod, Silvia Ferrari, Gio Ferri, Ando Gilardi, Alberta Gnugnoli, Michael Haggerty, Ekkehard Henschke, Michael Köhler, Jean Claude Lemagny, Silvano Martini, Luigi Meneghelli, Eugenio Miccini, Alessandro Mozzambani, Roberto Mutti, Maurizio Rebuzzini, Giorgio Trevisan, Giuseppe Turroni, Peter Weiermair, Italo Zannier.

 

Ha pubblicato, fra l’altro:

la cartella “Immagini”, in tiratura numerata, saggio critico di Ando Gilardi, Verona, 1981;

su “Progresso Fotografico 10”, saggio critico di Alberta Gnugnoli, Milano, 1981;

su “European Photography”, saggio critico di Michael Köhler, Göttingen, 1982;

su “L’occhio fotografico”, a cura di Italo Zannier e Alessandro Mozzambani, Verona, 1983;

su “Cara Giulietta”, a cura di Giorgio Cortenova, Venezia, 1984;

su “SICOF ’85 – I maestri del ritratto”, a cura di Alinari, Milano, 1985;

su “Photo Italia”, saggio di Roberto Mutti, Milano, 1988;

su “Polaroid, Landscape”, Milano, 1988;

il volume “Cosmi di Gino Bogoni”, Verona, 1988;

il volume “Uomini e cavalli”, con Alessandra Salardi, Verona 1989;

il volume “Strade”, con Alessandra Salardi, Verona, 1990;

su “Nuovi Orizzonti, Dove va la fotografia?”, Milano, 1990;

su “HQ”, Heidelberg, 1991;

il volume “Il cielo di Maria F.”, saggio critico di Eugenio Miccini, Verona, 1991;

il volume “Le forme del pane nelle valli dell’Adige”, con Alessandra Salardi, Verona, 1992;

su “Fotografi italiani: diario Immaginario di L. Colombo”, a cura di Carlo Bertelli e Mario Cresci, saggi di Carlo Bertelli e Jean Claude Lemagny, Bergamo, 1993;

su “7×7 Vizi capitali”, a cura di Roberto Mutti, saggi di Omar Calabrese, Bruno Munari, Roberto Mutti …, Milano, 1993;

su “La pipa meccanica”, a cura di Giovanni Anceschi e Gio Ferri, Verona, 1993

su “Purgatorio”, a cura di Marina De Stasio e Roberto Mutti, Milano, 1994;

su “Kodak, Il fotografo professionista”, Milano, 1994;

su “Poesia visiva e dintorni”, saggio critico di Eugenio Miccini, Firenze, 1995;

su “Photonews”, a cura del Museo Ken Damy, Brescia, 1996;

su “Verona, un secolo d’immagini nell’Archivio Tommasoli”, saggio di Roberto Mutti, Verona, 1996;

su “Los Angeles Times”, Los Angeles, 1997;

su  “Ante Rem”, a cura di Flavio Ermini con premessa di Maria Corti, Verona, 1998;

su “Il giornale dell’arte”, Torino, 1999;

il volume “Veronafiere, a century of progress”, con Alessandra Salardi, Verona, 1999;

su “Verso l’inizio”, a cura di Andrea Cortellessa, Flavio Ermini, Gio Ferri con premessa di Edoardo Sanguineti, Verona, 2000;

il volume “Palazzo Leoni Montanari”, con Alessandra Salardi, Verona, 2000;

il volume “Ramandolo sui Colli Orientali del Friuli” con Alessandra Salardi, Verona, 2001;

su “Desire”, a cura di Peter Weiermair, Zurigo, 2001;

il volume “Un ponte di ponti – Da Venezia a Milano”, con Gabriele Basilico, Giuliano Francesconi, Alessandra Salardi, Cinisello Balsamo (MI), 2002;

su “Verona Poesia”, di Alessandra Salardi, saggi di Flavio Ermini e Silvia Ferrari, Verona, 2004;

su “Convergenze”, numeri 1, 2, 3, 4 e 5, Bergamo;

su “Anterem”, numeri 41, 43, 45, 47, 51, 53, 60, Verona;

su “Oltre l’Argento”, a cura di Luigi Meneghelli, Verona, 2007;

su “Fotoit”, saggio di Cinzia Busi Thompson, Torino, 2007;

su “Love – frammenti visivi di un discorso amoroso”, a cura di Paolo Donini e Daniela Del Moro, Pavullo nel Frignano (MO), 2008;

il volume “Saint Petersburg”, in edizione Fine-Art numerata, con Alessandra Salardi e Filippo Tommasoli, Saint Petersburg – Verona, 2008;

il volume “I Volti dell’Opera”, con Alessandra Salardi e Filippo Tommasoli, Verona, 2015

su “Lo sguardo innocente”, a cura di Filippo Tommasoli, Verona, 2016.

febbraio 1st, 2016|
Load More Posts